Alla radice la fede

Origine

La congregazione delle Ancelle della S. Famiglia è nata a Cagliari nel 1933, quando l’arcivescovo di Cagliari, Mons. Ernesto Maria Piovella e Mons. Giuseppe Orrù, rettore del Seminario diocesano, considerata la situazione della diocesi, per poter avere delle religiose che si occupassero dei bambini negli asili, delle ragazze negli oratori e collaborassero con i parroci, mossi dallo Spirito, decisero di fondare una Congregazione femminile diocesana, che divenne di diritto Pontificio, con decreto di lode, il 22 aprile 1956.

Carisma

Spirito di comunione di servizio per la promozione umana e cristiana delle famiglie.

La fede nei fondatori

Gli  uomini di Dio vivono nella fedeltà, e diventano faro della Sua tenerezza. L’esempio di queste figure, segnate dai doni di Dio, sono vissute facendo del bene,  seminando solo fede e Amore.

Con  il passare dei giorni ingigantiscono fino a diventare gli unici e veri uomini di fede.

Così è di Mons. Ernesto Maria Piovella e Mons. Giuseppe Orrù. La vita di questi Pastori nella Chiesa che è in Cagliari rivela ancora oggi la mirabile armonia tra il loro pensiero e la loro azione, la sublimità dell’ideale da loro vagheggiato e la loro costanza nel realizzarlo.

La profondità della loro vita interiore e la prodigiosa fecondità del loro apostolato: sono aspetti di personalità spirituali straordinarie, vive e attuali. La loro fede è ribadire la supremazia di Dio e il porLo al centro del proprio esistere. Per loro il vivere la fede conduce all’amore, l’amore che conduce all’azione; il frutto della fede è l’unione con l’Assoluto, la pace del cuore.

I pensieri di Dio sono al di sopra dei loro  pensieri. Per questo confidare nel Signore vuol dire vivere di fede nonostante tutto. L’amore di Dio che ama eternamente sta dietro ogni avvenimento, anche se a volte in modo nascosto. Solo credendo, la fede cresce e si rafforza. Non c’è altra possibilità se non abbandonarsi, in un crescendo continuo, nelle mani di un Amore che si sperimenta sempre più grande perché la sua origine è Dio segno operante di una Presenza Viva.    

La vita di fede per Mons. Piovella e Mons. Orrù, non è un fare né un possedere ma  una relazione personale in cui “entrare”  attraverso la fedeltà alle clausole dell’alleanza osservate con sentimenti filiali. La vita donata  ha suggerito loro tutta la valenza affettiva di una vita vissuta come relazione col Dio fedele, così esprimono ancora oggi la carica di profonda umanità che portano dentro la loro esperienza profonda di fede che diventa speranza, dove non c’è speranza.

Sr Maria Dina Serra
usmicagliari@tiscali.it

 

Lascia un Commento