ARCA2
L'arca dell'alleanza tanto importante nell'Antico Testamento era una cassa di legno di acacia, sulla quale era posto il 'propiziatorio' (Kapporet): un coperchio costituito da una placca d'oro con due cherubini uno di fronte all'altro e posti alle sue estremità. L'arca conteneva le' tavole della testimonianza' o 'della legge' che Dio aveva dato a Mosè (Es 25,16; 40,20; 2Cr 5,10). Perciò essa è anche luogo della presenza particolare di Dio in mezzo al popolo. Certamente non contiene Dio, ma simbo...
Di più

FUOCO_3
IL FUOCO Non c'è religiosità che non ponga il fuoco al centro del proprio culto come segno per esprimere la divinità e il suo operare. Il fuoco illumina, purifica, riscalda, consuma, distrugge e trasforma. È insieme ad aria, acqua e terra uno dei quattro elementi fondamentali del creato, secondo le antiche concezioni, e come tale ricco di messaggi per ogni cultura e in ogni tempo poiché porta in qualche modo, se così possiamo dire, la firma del Creatore. II fuoco pertanto non poteva non divent...
Di più

colomba-pace2
Nella Bibbia il primo riferimento esplicito alla colomba è nella Genesi alla fine del diluvio, quando essa ritorna da Noè che l'aveva inviata sulla terra, portando nel becco un ramoscello d'ulivo, segno che la terra non più invasa dalle acque, ritorna a essere vivibile e a produrre beni (cfr. Gen 8,8-12). La colomba ricorda che Dio ha fatto pace con l'umanità peccatrice. In questo senso la colomba può rappresentare anche l'amore misericordioso di Dio per l'umanità. Nel Cantico dei Cantici la ...
Di più

RAM3
L’ULIVO L'albero dell'ulivo, tipico delle culture del Vicino Oriente, nella Bibbia è simbolo di pace, fecondità, benedizione. La prima volta la parola ulivo appare nella Bibbia alla fine del racconto del diluvio quando la colomba porta a Noè, come segno di pace, un ramoscello di ulivo (cfr. Gen 8,9). Allo stato selvatico l’ulivo si presenta in tutto il suo splendore naturale. Il suo legno è ritenuto tanto nobile da entrare a far parte dei materiali utilizzati per la costruzione del “Santo dei...
Di più

cielo1
CIELO Nella storia delle religioni, come anche nella Bibbia, il cielo è simbolo della trascendenza, del sacro, del luogo dove Dio abita e dal quale guarda la terra. I riferimenti al cielo nella Bibbia sono numerosissimi, al punto che il termine cielo designa la stessa identità di Dio e la sua relazione con l'umanità. La prima pagina della Scrittura presenta Dio che crea i cieli e la terra (cfr. Gen 1,1) e l'ultima annuncia l'avvento di nuovi cieli e nuove terre (Ap 21, 1). Dio chiama il cielo ...
Di più

luce2
Fiat lux a ricordare la relazione costante che il cristiano deve avere con Dio, riproducendo nella sua esistenza quotidiana ciò che ha accolto credendo alla rivelazione (cfr. 1Gv 2,9-10: «Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre. Chi ama suo fratello, rimane nella luce e non vi è in lui occasione di inciampo»), inoltre richiama innegabilmente il fatto che Dio è fonte, per il credente, di ogni bene, di vita e di salvezza, secondo l’abituale significato della meta...
Di più

Cuore

cuore2
CUORE Il termine "cuore" è uno dei più usati nella Bibbia ed ha un significato molto ricco al di là del devozionalismo e del sentimentalismo. “Cuore” in ebraico (e aramaico) leb si trova menzionato circa 860 volte nell'Antico Testamento, mentre kardíá del greco neotestamentario si trova circa 1000 volte nel Nuovo Testamento. Un vocabolo significativo, applicato soprattutto all' uomo: nell' Antico Testamento solo 26 volte si parla antropomorficamente del cuore di Dio e nel Nuovo Testamento una ...
Di più

Città

santa1
Città Nel Nuovo Testamento la città (polis) può assumere il significato generico di “località”, oppure designare le città ellenistiche dell’Asia Minore, o le città e i centri dell’impero romano sorti lungo le principali vie di comunicazione. Come nell’Antico Testamento, ciò che distingueva la città dal villaggio non era però la dimensione o la quantità di popolazione, ma la presenza di mura di difesa, a volte anche fortificate, con torri di guardia agli angoli e su entrambi i lati delle porte....
Di più

casa2
Casa Nel Nuovo Testamento la casa (oikos; oikia) assume una pluralità di significati. Essa rimanda all’abitazione come edificio; alla famiglia come comunità domestica; al tempio come luogo di culto (casa di Dio; casa di preghiera); alla Chiesa come comunità dei credenti; al luogo d’incontro delle prime comunità cristiane come assemblea dell’agàpe fraterna; alla stirpe come discendenza ( casa di Davide; casa di Giacobbe; casa di Giuda). (oikos pneumatikos), in cui ogni membro della famiglia vie...
Di più

cuore1
Cuore L’assoluta rilevanza antropologica del cuore nell’Antico Testamento trova riscontri significativi nel Nuovo Testamento. Spesso, infatti, il cuore (kardia) è evocato come centro dei sentimenti, delle passioni e delle emozioni; sede della ragione, del pensiero e dell’intelligenza; organo della volontà. Per questa pluralità di significati, nel cuore si raccoglie di fatto l’intera persona, in quanto essa esprime di più intimo e profondo. Dal cuore dipendono così anche tutte le decisioni buo...
Di più