benevolenza2
La nostra epoca esige ogni giorno delle persone dai livelli di solidarietà e di benevolenza mai richiesti in precedenza. Charles Taylor Nonostante alcune scarse eccezioni, tutti siamo contenti di vivere nell’oggi, immersi nelle sue angosce, legittime, e nelle sue interessanti positività. Possiamo rimpiangere momenti singoli, di particolare significatività per noi e per chi viveva con noi, ma il progresso tecnico e scientifico, artistico e manifatturiero, un po’ ci sbalordisce e ci piace. Godiam...
Di più

palline2
Basta esser vivo per essere incompleto. Basta esser vivo per essere certo che il mio compito non è ancora finito. Gilbert Chesterton e… - continua il nostro autore - Basta esser vivo per avere il dovere di dimostrarlo al mondo. Tre ‘Basta’ che in una sintomatica ‘ascesa’ dal singolo individuo si eleva all’universale. Dalla singola persona al ‘mondo’: esplicitamente a ‘tutti’, ovunque essi siano; in qualsiasi situazion- età, salute, lavoro, luogo, posizione sociale - si trovino. Siamo vivi, sì: ...
Di più

cerchio2
Tra le altre forme voglio segnalare che anche il “genio femminile” si manifesta in stili femminili di santità. Così papa Francesco al n. 12 della recente Esortazione apostolica Gaudete et exsultate. Ognuno è se stesso, da piccolo e da grande. Pertanto ognuno, se coerente, si esprime secondo la propria identità. Il papa stesso chiarisce: “siamo chiamati ad essere santi vivendo con amore e offrendo ciascuno la propria testimonianza nelle occupazioni di ogni giorno, lì dove si trova” (Ge 12). Io e...
Di più

SILENZIO2
Dall’albero del silenzio pende il suo frutto: la pace. Arthur Schopenauer “Uomo che ami parlare molto, ascolta e diventerai simile al saggio. L’inizio della saggezza è il silenzio”. Lo ha lasciato scritto Pitagora, circa 2500 anni or sono. In questa sentenza il famoso matematico, taumaturgo, astronomo, scienziato, politico e fondatore a Crotone di una delle più importanti scuole di pensiero dell'umanità, fa la sintesi del suo ‘pensiero’, della sua fede. Di quello in cui crede e che - da buon ma...
Di più

periferie2
Le periferie in cui ribollono le tensioni emergono energie per il servizio della Chiesa universale (P. Arturo Sosa, sj) “E’ buono uscire da se stessi, alle periferie del mondo e dell’esistenza per portare Gesù!”. E’ il messaggio lanciato da papa Francesco ai giovani la domenica delle palme del 2013. Le periferie sono luoghi di particolare povertà, di significative indigenze, di sintomatiche insicurezze. E spesso sono fucina di tensioni per la disuguaglianza che si percepisce come ingiustizia; ...
Di più

CANDIA1
Apprezzo che voi, bravi e intuitivi, vi buttiate in politica per cambiare la storia. Io ho un solo eventuale talento: so appena chinarmi su quello che conosco come mio fratello. Marcello Candia E di fratelli ne ebbe tanti. Soprattutto dopo che fece irruzione nella sua vita “una chiamata verso il dolore” Esordiente prima, diventa abilissimo e molto stimato imprenditore nella terra che gli ha dato i natali. Cinquantenne, viene a conoscenza di una realtà che lo strappa dai suoi possibili sogni di ...
Di più

fiore1
La gratitudine è la forma più bella di felicità. Walter Dirks Tutti gli incipit delle Lettere che il grande apostolo Paolo inviava sia a un singolo personaggio - Tito, Timoteo - come a un popolo - Efesini, Galati, Tessalonicesi - erano un tripudio di gioia, una esplosione di gratitudine. Dopo il normale saluto introduttivo, nella Lettera ai Tessalonicesi scrive: “Rendo grazie al mio Dio ogni volta che mi ricordo di voi” e ne definisce i motivi: “Sempre, quando prego per tutti voi, lo faccio co...
Di più

LEGGI2
Prendi e leggi, prendi e leggi… E’ l’ordine che il grande sant’Agostino ascoltò un certo giorno della sua vita ormai adulta. Racconta: “Dalla casa vicina mi giunge una voce, come di fanciullo o fanciulla, non so, che diceva cantando e ripetendo più volte: Prendi e leggi, prendi e leggi”. Non sapendo egli dare a questa voce altra interpretazione se non che si trattasse di un comando divino, tornò sui suoi pasi e riprese in mano il libro che aveva lasciato presso il suo amico Alipio. Scrive ancor...
Di più

attimo1
“Sprecavo nelle preoccupazioni un prezioso secondo di quella gioia distillata”. (Richard Bach) E’ una osservazione sagace che l’autore fa su di sé in un momento di particolare intensità in un suo viaggio in aereo quando stava per planare. S’accorge di aver allontanato lo sguardo dall’essenziale di quel momento: godersi l’ebbrezza di una discesa dall’atmosfera alla terra, dal volo al posare i piedi su terra ferma. Lo sguardo sull’essenziale si era dileguato in preoccupazioni inutili, evasive...
Di più

PACE2
Dall’albero del silenzio pende il suo frutto: la pace. Arthur Schopenauer “Uomo che ami parlare molto, ascolta e diventerai simile al saggio. L’inizio della saggezza è il silenzio”. Lo ha lasciato scritto Pitagora, circa 2500 anni or sono. In questa sentenza il famoso matematico, taumaturgo, astronomo, scienziato, politico e fondatore a Crotone di una delle più importanti scuole di pensiero dell'umanità, fa la sintesi del suo ‘pensiero’, della sua fede. Di quello in cui crede e che - da buon ma...
Di più